Restaura la casa di famiglia e affittala

casa al mare

Il mercato immobiliare non è ancora ridecollato. La tanta decantata ripresa che avevano prospettato gli esperti per il 2018 non si vede, tuttavia, per quanto riguarda per lo meno le località turistiche, la situazione non registra un trend negativo, al contrario. Nelle località turistiche, con preferenza a quelle più rinomate, i prezzi del mercato immobiliare sono ripresi a salire. Per chi ha una casa al mare, per esempio, è possibile mettere a frutto la casa di famiglia.

Casa di famiglia al mare, un investimento

Molti possiedono una casa di famiglia al mare, quella che sì, da una parte è un caro ricordo, ma dall’altra è cara come tassazione. Non tutti, quindi, ammortizzano questa spesa e sovente si vedono piuttosto costretti  vendere. Ma perché vendere quando si può guadagnare molto di più, e senza perdere la casa, affittandola stagionalmente. Chiaramente, se si tratta di una casa datata avrà bisogno di un restauro.

Risistemando la casa di famiglia, infatti, sarà possibile fruire di un canone di locazione stagionale col quale, se non arricchirsi, ci sarà la possibilità di ammortizzare le spese legate all’immobile, si tratterebbe quindi di un buon investimento.

Quanto si spende per restaurare la casa

Le spese per restaurare la casa, a meno che questa non sia proprio in condizioni pessime, non sono eccessive. La scelta migliore, in questo caso, è quella di affidarsi alla consulenza di un ingegnere o un geometra per ottenere una valutazione dei lavori da effettuare. Una volta stabilita una cifra di massima, si può chiedere una serie di preventivi alle diverse ditte di carpenteria edile e di restauro  edile.

Ci sono diverse possibilità che verranno prospettate anche a seconda del budget che si intende spendere o che si ha a disposizione.

Ammortizzare i costi

casa al mare2C’è poi la possibilità di ammortizzare i costi grazie agli incentivi statali. Si tratta in realtà di detrazioni fruibili in determinate misure, c’è perfino un bonus verde per chi vuole curare il giardino. Un altro modo per ammortizzare i costi è quello, appunto, di affittare almeno per qualche periodo a notte invece che per periodi più lunghi. Se si intende fruire della formula B&B ci sono diversi sgravi fiscali fruibili per un certo lasso di tempo e per determinate condizioni.

Annuncio o passaparola?

A questo punto non resta che affittare, ma è meglio creare un annuncio ad hoc in un giornale di settore o affidarsi al passaparola? Sicuramente il primo metodo è da preferirsi se si ha paura di far entrare in casa il primo sconosciuto, ma se si sceglie la formula del B&B ci si dovrà, prima o poi, affidare anche alla fortuna di mettersi in casa persone fidate.

Dal punto di vista della promozione, invece, un annuncio è sicuramente molto più efficace su larga scala dato che può far conoscere la casa anche a turisti che risiedono all’estero

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *