vibratori e orgasmo: ecco i modelli che assolvono a piaceri differenti

vibratori e donne

La rapida diffusione dei vibratori sul mercato italiano, ha prodotto certamente molta confusione: i modelli presenti sono così tanti che spesso è difficile scegliere quello più indicato per il proprio benessere, il piacere ed il raggiungimento dell’orgasmo.

I vibratori come fonte di piacere

Tanti modelli, per tutti i gusti.

Lunghezze diverse, diametri diversi, velocità variabili a scatto o con continuità, materiali diversi. Ce n’è davvero per tutti i gusti. In silicone, in plastica, in materiali jelly, ruvidi o lisci, esiste un vibratore apposito per far crescere il piacere di ogni donna. Il difficile è trovare quello giusto, quello perfetto che porta all’orgasmo certo.

  • Vibratori classici: la forma di fallo, un classico dell’autoerotismo femminile. Il vibratore forse più diffuso, è senza dubbio quello realistico, che riproduce la forma, e spesso anche la dimensione, di un fallo vero. Simbolo sessuale per antonomasia, il pene maschile è la forma prediletta da tutte quelle donne che amano fantasticare, e lasciarsi trasportare verso l’orgasmo dal sognare un rapporto vero, aiutandosi ovviamente con la vibrazione. La maggioranza di questi tipi di sex toys ha velocità variabile, e si può quindi scegliere la vibrazione ottimale. Inoltre, molto spesso questi vibratori imitano non solo la forma e la dimensione del pene, ma anche il sistema venoso, le increspature, raggiungendo livelli di realismo fino a poco tempo fa impensabili.
  • Vibratori design: forme innovative, per piaceri nuovi. I vibratori design non imitano una forma reale, sono invece creazioni al limite dell’artistico, con forme innovative, innaturali, ma studiate per stimolare zone interne ricche di terminazioni nervose, primo tra tutti il punto G. Spesso dotati di curvature variabili e diametri calibrati, possono portare a piaceri inaspettati e mai provati, se si sceglie il modello adatto alla propria conformazione vaginale.
  • Vibratori rabbit: il fascino della doppia stimolazione. Si sta affermando sul mercato il vibratore rabbit. È un normale vibratore vaginale, dotato però di due corpi vibranti. Uno di lunghezza e diametro maggiore, per la penetrazione vaginale tradizionale, sul quale è montato un secondo corpo vibrante più piccolo, posizionato in modo da stimolare con la sua vibrazione direttamente il clitoride durante la penetrazione. In tal modo, si ottiene un doppio effetto: la stimolazione vaginale interna e contemporaneamente quella clitoridea, una coniugazione di piaceri che può portare qualsiasi donna ad orgasmi intensi, prolungati, e spesso nuovi e mai provati prima.
  • Come scegliere il vibratore: il segreto è conoscersi. Per scegliere bene, è necessario conoscere bene la propria conformazione fisica e soprattutto la propria sessualità. Solo conoscendo bene gli stimoli che portano al proprio orgasmo, stimoli che variano da donna a donna, è possibile scegliere il vibratore ottimale, quell’amante perfetto che non fallisce mai l’obiettivo del trasportare al massimo del piacere. Può essere un vibratore design, un fallo vibrante tradizionale o un vibratore rabbit: dipende dal proprio meccanismo di raggiungimento dell’orgasmo, pertanto è necessario che ogni donna conosca bene il suo corpo, per scegliere il vibratore adatto.

 

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *